dicembre/2018

Buon anno 2019
Varie

Buon anno 2019

Buon anno 2019

Eccomi di nuovo … sono ancora qui.

E’ passato un anno denso di avvenimenti. Ci sono stati momenti molto difficili a livello personale ma li ho superati. Il mese di novembre e dicembre però – finalmente – si sono iniziati a muovere risvolti importanti per il futuro. Spero e credo che il 2019 sarà nettamente il migliore : le premesse ci sono tutte. Molte cose torneranno al loro posto. Maggiore serenità e prospettive. E forse si metterà in dirittura d’arrivo la questione più spinosa (sono criptico … me rendo conto).

Desidero affrontare i prossimi anni in maniera diversa. Nel 2020 spero fortemente di poter tornare ad essere “libero” di essere me stesso, senza vincoli … o quantomeno di vedere la luce alla fine di questo buio.

L’anno che verrà si dividerà in trimestri, come a scuola. Il primo sarà quello più impegnativo per lo studio ed il lavoro. Il secondo – da aprile a giugno – sarà più rilassante dal punto di vista dello studio ma più impegnativo per il nuovo lavoro. Finalmente il terzo trimestre dovrei avere il periodo migliore : lavoro consolidato e vacanze. Probabile un viaggio all’estero e finalmente qualche settimana in autonomia completa. L’ultimo quadrimestre dovrebbe consolidare il trend lavorativo in routine e portare finalmente il primo importante traguardo che da qualche anno mi tiene sotto scacco. Agogno che la macchina della giustizia dia “a Cesare quel che è di Cesare” ….

Le questioni politiche interne ed estere non promettono nulla di buono.

Ocean cleanup pulisce l’oceano
Scienza

Ocean cleanup pulisce l’oceano

L’enorme isola di plastica che si è accumulata nell’Oceano Pacifico, frutto dei rifiuti plastici di oltre 60 anni, sembra avere le ore contate. Il progetto dell’organizzazione no-profit olandese Ocean Cleanup sta finalmente prendendo il largo per segnare un momento storico nella lotta all’inquinamento ambientale. Le proiezioni dei dati di raccolta dei rifiuti sono stupefacenti e lasciano ben sperare gli addetti ai lavori e il mondo intero…

Il Pacific Trash Vortex, conosciuta anche come Grande Chiazza di Immondizia nel Pacifico(Great Pacific Garbage Patch), è un’enorme accumulo di spazzatura (in particolare plastica) che si trova nell’Oceano Pacifico. Questo fenomeno è talmente grande da essere considerato uno stato grande due volte il Texas contenente 1,8 trilioni di pezzi di detriti. Per anni si è pensato che non potessero esserci soluzioni a questo problema, perlomeno fino ad oggi. Avevamo già parlato del progetto Ocean Cleanup di un’organizzazione no-profit olandese, che ha studiato e messo in azione il primo sistema di pulizia guidato degli oceani al mondo. È stato da poco messo in funzione nella baia di San Francisco, con tanto di diretta streamingmondiale, il System 001, il primo sistema di pulizia degli oceani al mondo.

Si tratta di una struttura tubolare lunga 600 metri a forma di U,

A guide to Seasonal Flu for Seniors
Anunnaki Medicina

A guide to Seasonal Flu for Seniors

A guide to Seasonal Flu for Seniors

When fall rolls around, the weather begins changes, you start to get in the holiday spirit, and… almost everyone gets sick? This isn’t a coincidence. The colder weather coincides with the beginning of flu season—a time when people being diagnosed with the flu occurs more frequently than normal rates.

While the flu has similar symptoms as a the common cold—sore throat, cough, and a runny nose—the flu can result in far more devastating consequences. This is especially true among seniors, who can experience hospitalization or even death. Between 2010 and 2016, a range of 12,000 to 56,000 people died every year because of the flu, according to the Centers for Disease Control and Prevention, and many of them were people over the age of 65.

The flu is preventable, too, with vaccines and other preventative measures, so let’s discuss exactly what the flu is, what it looks like, how it spreads, and how seniors can protect themselves from the virus.

Full article here

Quando cade l’autunno, il tempo inizia a cambiare, si inizia a entrare nello spirito festivo e … quasi tutti si ammalano? Questa non è una coincidenza. Il clima più freddo coincide con l’inizio della stagione influenzale, un periodo in cui le persone a cui viene diagnosticata l’influenza si verificano più frequentemente rispetto ai tassi normali.

Mentre l’influenza ha sintomi simili a quelli del comune raffreddore alla gola,

La Cina esplora il lato oscuro della Luna
Scienza

La Cina esplora il lato oscuro della Luna

La Cina esplora il lato oscuro della Luna

La Luna sembra tornare di moda. Dopo mezzo secolo di quasi oblio, ecco che il satellite della Terra è improvvisamente diventato una delle priorità principali di diverse agenzie spaziali e di qualche privato. Prima lo scoop di Elon Musk, che ha annunciato il nome del facoltoso turista che dovrebbe viaggiare in orbita intorno alla Luna, poi le dichiarazioni dell’Amministratore della NASA circa la volontà dell’agenzia americana di creare un “mercato lunare” per le imprese statunitensi. La notizia di oggi è che sulla Luna stanno per arrivare anche i cinesi. Il 7 dicembre 2018, intorno alle 19:30 (ora italiana), dovrebbe avvenire il lancio della missione Chang’e 4, la quarta di una serie di sonde che hanno preso il nome dalla dea cinese della Luna.

Il terzo Paese ad aver compiuto un allunaggio

La Cina non è infatti nuova a imprese lunari. Nel 2013 è diventato il terzo paese, dopo Russia e Stati Uniti, a far “allunare” un veicolo automatico sul nostro satellite. La sonda Chang’e 3 trasportava il robottino mobile YuTu (dal nome del coniglio prediletto dalla dea) che ha esplorato il suolo del nostro satellite inviando foto e immagini video e analizzando la “regolite” lunare con uno speciale radar. Ma il terzo posto, evidentemente non è abbastanza e la Cina vuole essere il primo paese a tentare un’impresa ben più difficile e rischiosa. Chang’e 4, infatti, seguirà la strada della sonda gemella che l’ha preceduta sulla superficie lunare,

Boris Kipriyanovich il ragazzo che viene da Marte
Fantascienza Scienza

Boris Kipriyanovich il ragazzo che viene da Marte

Boris Kipriyanovich il ragazzo che viene da Marte

Boris Kipriyanovich è un ragazzo classificato come “geniale” che afferma di essere un abitante di Marte. Dall’età di 8 anni si è guadagnato la notorietà per i suoi dettagliati rapporti astronomici, rivelando segreti sulla vita sul pianeta e facendo previsioni strane.

Sin da giovane, Boris aveva già dimostrato di avere qualcosa di speciale con lui. Ancora oggi, a 22 anni, dice che nessuno dovrebbe dimenticare i messaggi che ha lasciato. La madre del ragazzo, Nadezhda Kipriyanovich, dice che la sua nascita nel 1996 è stata la più veloce che si sia mai vista. Inoltre, non ha sentito dolore. Il ragazzo cominciò a parlare a 4 mesi e a 2 anni ha cominciato a leggere lasciando stupiti gli insegnanti della sua scuola per la sua intelligenza precoce.

Ed a quel tempo le cose erano molto strane. Boris ha nominato tutti i pianeti del sistema solare, oltre ai loro satelliti naturali, dando anche un nome alle razze che vivevano su pianeti e stelle nelle galassie vicine e nei dettagliati continenti perduti della Terra. In un campo con amici e genitori all’età di 7 anni, Boris ha rivelato di essere originario di Marte e la sua missione è salvare la vita sulla Terra. Ha dato dettagli della sua vita su Marte come tecnologia avanzata e il fatto che i marziani smettono di invecchiare all’età di 30 anni.

Afferma che è l’ossigeno della Terra che ci fa invecchiare, che è una spiegazione scientificamente corretta.