2021/ 3/5

Coronavirus 38 – Virus trovato negli occhi in 1 contagiato su 2
Medicina Scienza

Coronavirus 38 – Virus trovato negli occhi in 1 contagiato su 2

Coronavirus 38 – Virus trovato negli occhi in 1 contagiato su 2

Non solo la saliva, ma anche le lacrime. Il coronavirus Sars-CoV-2 è stato identificato sulla superficie oculare del 57,1% dei pazienti Covid da un team di ricercatori italiani, autori di uno studio condotto in Lombardia, una delle regioni del Nord Italia più colpite dalla pandemia. La ricerca, firmata da scienziati e specialisti dell’Asst dei Sette Laghi e dell’università dell’Insubria a Varese, è pubblicata su “Jama Ophthalmology”.

Gli esperti si sono chiesti qual è la presenza qualitativa e quantitativa di Sars-CoV-2 sulla superficie oculare dei pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva e hanno utilizzato per rilevarlo il saggio di reazione a catena della polimerasi-trascrizione inversa (Rt-Pcr), eseguendo un tampone congiuntivale. Su 91 pazienti esaminati, 52 avevano il virus anche nelle lacrime (57,1%). Sars-CoV-2, sottolineano gli autori del lavoro, può essere rilevato sulle superfici oculari di pazienti con Covid-19 anche quando il tampone nasofaringeo è negativo. «I risultati dello studio – ipotizzano – suggeriscono che il virus può diffondersi dalle superfici oculari all’organismo».

La ricerca è stata condotta tra il 9 aprile e il 5 maggio 2020, prima ondata di Covid-19. Sono stati esaminati anche i tamponi congiuntivali di 17 volontari sani aggiuntivi senza sintomi dell’infezione per valutare l’applicabilità del test. Età media dei 108 partecipanti (55 donne e 53 uomini) arruolati: 58,7 anni. Gli autori hanno rilevato un’ampia variabilità della carica virale media da entrambi gli occhi.

Coronavirus 37 – Oms accusa la Cina: Ha fatto poco per cercare le origini del virus
Medicina Scienza

Coronavirus 37 – Oms accusa la Cina: Ha fatto poco per cercare le origini del virus

Coronavirus 37 – Oms accusa la Cina: Ha fatto poco per cercare le origini del virus

I funzionari cinesi avrebbero fatto “poco” in termini di indagini epidemiologiche sulle origini della pandemia di Covid-19 a Wuhan nei primi otto mesi dopo lo scoppio. E’ quanto emerge da un documento interno dell’Organizzazione Mondiale della Sanità diffuso dal Guardian. Il riepilogo del rapporto interno dell’Oms, datato 10 agosto 2020, afferma anche che il team che ha incontrato le controparti cinesi come parte di una missione per aiutare a trovare le origini del virus ha ricevuto poche  informazioni in quel momento e non ha ricevuto alcun documento  scritto.

Il rapporto della scorsa estate, scritto dunque quando i tassi di infezione globale avevano raggiunto i 20 milioni, fornisce nuove informazioni su come gli scienziati dell’Oms sarebbero stati ostacolati nei loro primi sforzi per studiare l’epidemia in Cina. La rivelazione arriva dopo che l’amministrazione Biden ha recentemente rilasciato una dichiarazione esplicita sulle forti preoccupazioni inerenti la cooperazione cinese nello studio della malattia. Jake Sullivan, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha anche invitato la Cina a rendere pubblici i suoi dati sin dai primi giorni dell’epidemia e a tutti i paesi, compresa la Cina, a partecipare a un processo “trasparente e robusto” per prevenire e rispondere alle emergenze sanitarie.

Il dossier di due pagine è un riassunto del viaggio in Cina sostenuto dal responsabile del programma e leader della missione dell’Oms Peter Ben Embarek tra il 10 luglio e il 3 agosto 2020,