Religione

L’arca di Noè
Religione

L’arca di Noè

L’arca di Noè

Genesi (6,14-19)

14 Fatti un’arca di legno di gofer; falla a stanze, e spalmala di pece, di dentro e di fuori.
15 Ed ecco come la dovrai fare: la lunghezza dell’arca sarà di 300 cubiti; la larghezza, di 50 cubiti, e l’altezza, di 30 cubiti.
16 Farai all’arca una finestra, in alto, e le darai la dimensione d’un cubito; metterai la porta da un lato, e farai l’arca a 3 piani: uno da basso, un secondo e un terzo piano.
17 Ed ecco, io sto per far venire il diluvio delle acque sulla terra, per distruggere di sotto i cieli ogni carne in cui è alito di vita; tutto quello ch’è sopra la terra, morrà.
18 Ma io stabilirò il mio patto con te; e tu entrerai nell’arca: tu e i tuoi figliuoli, la tua moglie e le mogli de’ tuoi figliuoli con te.
19 E di tutto ciò che vive, d’ogni carne, fanne entrare nell’arca due d’ogni specie, per conservarli in vita con te; e siano maschio e femmina.

Un meme che fa sorridere ma che da ragione a coloro che pensano che sull’arca ci fossero solo i DNA delle specie animali. Avremmo – con uno spazio pro capite di ben 0,0065 mt3 –

Lettera a Bergoglio
Religione Scandali

Lettera a Bergoglio

CARO BERGOGLIO…

ho letto la missiva che oggi ha scritto al “popolo di Dio” e nella quale lei chiede (ritengo a nome dell’istituzione che rappresenta) perdono per gli abusi sessuali commessi dai sacerdoti. Premetto che mi piacerebbe capire meglio l’espressione “popolo di Dio”. Si sta per caso rivolgendo all’intero genere umano? No, perché sa, in questo caso io mi dissocio, visto che non credo in alcun dio, così come immagino che dalla sua lettera si dissocino quanti credono in un dio diverso da quello cattolico, al quale penso lei si rivolga.

Vede, Bergoglio, tanta gente si è rotta le scatole delle vostre richieste di perdono per tutta una serie di comportamenti, passati e presenti, della vostra chiesa.
Mi ricordate tanto la famosa canzone di Caterina Caselli! Soprattutto, poi, non siete più credibili, e tantomeno è credibile lei, che da qualche tempo si riempie la bocca di “tolleranza zero” contro i pedofili, ma di fatto non ha realizzato un solo atto concreto, a livello pratico o normativo, per combattere il fenomeno (a parte qualche commissione fantasma creata ad hoc per gettare fumo negli occhi).

Lei avrebbe potuto ad esempio introdurre l’obbligo per i vescovi di denunciare i sacerdoti pedofili; oppure avrebbe potuto riformare il processo canonico, nel quale (pochi lo sanno) alla vittima non è consentito di essere accompagnata da un legale; oppure avrebbe potuto prevedere l’immediata decadenza allo stato laicale per il bastardo di turno. Invece, niente di tutto questo. Parole, parole, parole,

L’ossessione del diavolo
Religione

L’ossessione del diavolo

Padre Alberto Maggi

frate dell’Ordine dei Servi di Maria, ha studiato nelle Pontificie Facoltà Teologiche Marianum e Gregoriana di Roma e all’École Biblique et Archéologique française di Gerusalemme. “…Quella del diavolo è stata indubbiamente una trovata eccezionale, un alibi per le malefatte degli uomini…”. “…Nella Bibbia ebraica è completamente assente l’idea di persone possedute dal diavolo o dai demòni, e non si trova un solo caso di indemoniato…”.
“…hanno fatto e fanno più danni i cristiani con la loro ossessione del diavolo che quanti ne negavano la presenza…”.

Al successo della figura del diavolo ha indubbiamente contribuito in passato una puerile leggenda, sorta al di fuori della Bibbia, nel Libro dei segreti di Enoc, che mise salde radici nel cristianesimo dei primi secoli e ha alimentato credenze popolari: quella di Lucifero, il bellissimo angelo castigato da Dio per la sua superbia e trasformato nell’orrendo diavolo nemico dell’umanità.

Artcolo integrale

E’ questo che fa Dio?
Religione Varie religione

E’ questo che fa Dio?

E’ questo che fa Dio? – (Mr. Robot)

Mi dica, perché Dio non ha aiutato il mio amico innocente che è morto senza alcun motivo mentre il colpevole è a piede libero? Ok, va bene. Lasciamo stare i casi isolati. Che mi dite delle innumerevoli guerre dichiarate in Suo nome? Ok! Va bene. Tralasciamo per un istante l’omicidio privo di ogni logica, va bene? Che mi dite della zuppa di fobie razziste e sessiste nella quale continuiamo ad annegare per causa Sua? E non mi riferisco soltanto a Gesù. Mi riferisco ad ogni religione organizzata, gruppi esclusivi creati per controllarci. Uno spacciatore che rende la gente dipendente dalla droga della speranza, i cui seguaci non sono altro che drogati in cerca della loro dose di stronzate per assicurarsi la propria dopamina di ignoranza, tossici che hano paura della verità, che non esiste alcun ordine, nessun potere, che tutte le religioni sono solo vermi della mente in metastasi create per dividerci, affinché sia più facile governarci per quei ciarlatani che vogliono manovrarci!

Per loro, non siamo altro che fanboy paganti della loro serie di fantascienza scritta con i piedi. Se non dò retta al mio amico immaginario, perché cazzo dovrei dar retta al vostro? La gente pensa che la loro devozione sia la chiave per la felicità. Ma è così che Lui vi controlla. Neanche io sono abbastanza pazzo da credere a questa distorsione della realtà.

Vita di Gesù – Maurizio Lastrico
Religione Varie

Vita di Gesù – Maurizio Lastrico

Vita di Gesù – Maurizio Lastrico

L’invenzione di Gesù Cristo
Religione Varie religione

L’invenzione di Gesù Cristo

L’invenzione di Gesù Cristo – Joseph Atwill

L’autore del libro chiamato “Il Messia di Cesare: la cospirazione romana per inventare Gesù” sbarca nel Regno Unito e la settimana prossima terrà una attesissima conferenza (ottobre 2013 ndd). “Il cristianesimo – sostiene – in realtà fu sviluppato e usato come un sistema di controllo delle menti per produrre schiavi che credessero che Dio avesse stabilito la loro schiavitù“.

Gesù Cristo? Un’invenzione, per mettere a tacere le persone povere che rischiavano di compromettere il dominio romano nel mondo allora conosciuto. È quanto sostiene Joseph Atwill, americano, autore di un libro chiamato “Il Messia di Cesare: la cospirazione romana per inventare Gesù”. Ora, Atwill arriva nel Regno Unito e la settimana prossima terrà una attesissima conferenza alla Conway Hall di Holborn, nella capitale britannica. Londra si prepara così a ospitare un autore e pensatore che tante reazioni sta suscitando negli Stati Uniti e le cui teorie, dice il diretto interessato, sono provate “quasi scientificamente”. Così, secondo Atwill, il cristianesimo non è nato come religione, ma come una propaganda “governativa” per pacificare le menti più ribelli dell’impero romano. E la prova secondo l’autore – che cura anche un seguitissimo blog sul tema – è che la storia di Gesù Cristo, così come raccontata dai Vangeli, corre parallela a ed è quasi una fotocopia di quella dell’imperatore Tito Flavio così come raccontata dallo storico Giuseppe Flavio.

Jenus in Tribunale
Religione Varie religione

Jenus in Tribunale

Jenus e lo psicologo
Religione Varie religione

Jenus e lo psicologo

Le frasi famose di Lao Tzu
Religione

Le frasi famose di Lao Tzu

Lao Tzu, conosciuto anche come Laozi

Lao Tse, Lao Tze, Lao Tzi, Lao Tseu, è uno dei maggiori filosofi cinesi, autore del il Tao Te ching, composto di poco più di cinquemila parole e racchiudente gli elementi della sua dottrina. Sulla reale esistenza di Lao Tzu sono tuttora in corso dibattiti. Visse nel VI secolo a.C. ed è considerato il fondatore del Taoismo.

Quello che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo lo chiama farfalla.

Amare profondamente qualcuno ti dà coraggio. Essere amati profondamente da qualcuno ti dà forza.

Fa più rumore una albero che cade che una foresta che cresce.

Un vincente trova sempre una strada, un perdente trova sempre una scusa.

Solo chi ha la forza di scrivere la parola fine può scrivere la parola inizio.

Quando mi libero di quello che sono, divento quello che potrei essere.

Preoccupati di quello che gli altri pensano e sarai sempre il loro prigioniero.

Se si è depressi si vive nel passato.
Se si è ansiosi si vive nel futuro.
Se si è in pace si vive nel presente.

Un lungo viaggio di mille miglia comincia con un solo passo.

Credete forse che l’universo è agitato? Andate attraverso il deserto di notte ed osservate le stelle in cielo. Questa azione dovrebbe rispondere alla domanda.

Quattromila figli di sacerdoti
Religione Scandali

Quattromila figli di sacerdoti

Quattromila figli di sacerdoti

I figli dei preti rappresentano un problema di sempre più stretta attualità per la Chiesa cattolica.

La questione è legata a doppio filo con l’apertura di Bergoglio verso i viri probati e l’estensione del sacerdozio ai padri di famiglia:dando la possibilità ai sacerdoti di sposarsi o ammettendo nel clero uomini già sposati, infatti, si risolverebbe il tutto alla radice. Almeno in riferimento ai casi futuri. Ma prescindendo dalle possibili svolte aperturiste del papa e dai contrari e dai favorevoli a questa che per ora rimane un’ipotesi, a far riflettere sulla vicenda sono soprattutto i numeri dei coinvolti. I figli dei preti, infatti, sono tanti:quattromila secondo Coping international. Michael Rezendes, del Boston Globe, membro di Spotlight, giornalista reso celebre dall’inchiesta sulla pedofilia nella Chiesa, è stato tra i primi ad accorgersi delle proporzioni del fenomeno e in un’inchiesta divisa in due parti ha posto un focus su quella che per il membro del famoso team del Globe è una vera e propria “legione invisibile di segregazione e abbandono”. E il comitato preposto dell’Onu aveva già chiesto al Vaticano di “stabilire il numero dei figli messi al mondo da preti cattolici, scoprire dove si trovano e prendere tutte le misure necessarie per assicurare che i diritti di quei bambini a conoscere i loro genitori e a ricevere le loro cure siano rispettate”.

Pochi giorni fa, poi, anche il Giorno ha affrontato “le storie e destini dei figli dei preti”.