C’era una volta un ponte – Parte1
Storia

C’era una volta un ponte – Parte1

Il Ponte Polcevera a Genova : un’altra verità?

Dopo i fatti del 14 agosto 2018 sono successe molte cose. A distanza di più di un mese, selezionando fonti diverse ed egualmente sostenibili e accertabili, mi trovo – al solito – a pensare che quello che l’informazione ci rilascia non è sempre corretto, veritiero, verificato. Conspiracy theorist vs Debunker ? Credo che in questa vicenda ci siano molte “True lies” … Come per ogni “delitto” – però – è fondamentale trovare non solo il “colpevole” e l’arma o mezzo del delitto. E’ altrettanto importante capire il cosiddetto “movente”, perchè dietro questo si celano altre verità e possibili mandanti del delitto stesso.

Ho selezionato e visionato diverse clip presenti su Youtube che mi sono premunito di scaricare prima che scompaiano o vengano per qualche motivo “censurate”. Attraverso il “taglio” di alcune sequenze, proverò ad elencare una serie di fatti inequivocabili che rendono il crollo di questo ponte perlomeno “anomalo” e sospetto, ben oltre la troppo semplice spiegazione della atavica negligenza italica sulla manutenzione e le croniche lacune delle politica italiana – mai esente  da responsabilità in questi casi – se non altro per il fatto che dovrebbe “vigilare” e non solamente curare interessi personali e di “lobbies” economicamente potenti. Ma andiamo con ordine.

Le dichiarazioni di Enzo Siviero

Ingegnere, architetto e docente italiano. Ha dedicato gran parte della sua carriera nella progettazione  di ponti e nell’insegnamento delle strutture nella facoltà di architettura dell’Università di Venezia.
Lampi, crollo verticale, rotazione del pilone ..

 

L’ipotesi dell’ing. Enzo Siviero in merito al crollo del ponte Morandi a Genova è stata definita come ‘delirante’ dal procuratore di Genova Francesco Cozzi.

Ma quando e chi avrebbe messo le cariche ? Forse il quando è possibile capirlo da un intervento di un testimone a SkyTG24 che ha filmato col suo smartphone la sera prima …

Cariche esplosive ? Moltissimi testimoni riferiscondi “lampi” durante il violentissimo temporale che precede il crollo.

Solo fulmini? Eppure nei pochi video ufficiali visti anche in televisione a veder bene sono lampi molto ben sincronizzati e particolari, proprio in prossimità degli elementi vitali del ponte.

Nota : Enrico Mattei, liquidatore dell’AGIP e creatore della multinazionale ENI, morto nel 1962 in seguito ad un sospetto incidente mentre volava su un aereo personale. Fu riconosciuto molti
anni dopo essere stato vittima di un attentato.

Articoli che ti potrebbero interessare

Related posts

Leaver your comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.