Contribution to the Theory of Natural Selection
Anunnaki Scienza

Contribution to the Theory of Natural Selection

Contribution to the Theory of Natural Selection

di Alfred Russel Wallace (1871)

Uno dei collaboratori di Charles Darwin scrisse :

“The inference I would draw from this class of phenomena is, that a superior intelligence has guided the development of man in a definite direction, and for a special purpose, just as man guides the development of many animal and vegetable forms. The laws of evolution alone would, perhaps, never have produced a grain so well adapted to man’s use as wheat and maize; such fruits as the seedless banana and bread-fruit; or such animals as the Guernsey milk cow, or the London dray-horse. Yet these so closely resemble the unaided productions of nature, that we may well imagine a being who had mastered the laws of development of organic forms through past ages, refusing to believe that any new power had been concerned in their production, and scornfully rejecting the theory (as my theory will be rejected by many who agree with me on other points), that in these few cases a controlling intelligence had directed the action of the laws of variation, multiplication, and survival, for his own purposes. We know, however, that this has been done; and we must therefore admit the possibility that, if we are not the highest intelligences in the universe, some higher intelligence may have directed the process by which the human race was developed, by means of more subtle agencies than we are acquainted with.”

“Ciò che deduco da questo tipo di fenomeni è che un’intelligenza superiore ha guidato lo sviluppo dell’uomo in una precisa direzione e per uno scopo specifico, proprio come l’uomo indirizza lo sviluppo di molte forme animali e vegetali. Le leggi dell’evoluzione da sole forse non avrebbero mai prodotto cereali così adatti al consumo umano come il grano e il mais; frutti come la banana senza semi e il frutto dell’albero del pane; o animali come la mucca da latte e il cavallo da tiro. Tuttavia questi prodotti somigliano così tanto alle produzioni della natura che possiamo immaginare un essere che abbia padroneggiato le leggi di sviluppo delle forme organiche attraverso le ere, rifiutando di credere che sia stata coinvolta alcuna ulteriore capacità nella loro produzione e respingendo sdegnosamente la teoria (come sarà rifiutata la mia teoria da molti che concordano con me su altri punti) che in questi pochi casi un’intelligenza abbia diretto l’azione delle leggi di variazione, moltiplicazione e sopravvivenza per i suoi scopi. Sappiamo, comunque, che è stato fatto; e dobbiamo perciò ammettere la possibilità che, se non siamo le intelligenze più elevate nell’universo, un’intelligenza superiore può aver diretto il processo per cui la razza umana è stata sviluppata, tramite azioni diverse da quelle che conosciamo.”

Related posts

Leaver your comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.