DJI e la tecnologia per identificare i droni in volo
Droni

DJI e la tecnologia per identificare i droni in volo

DJI e la tecnologia per identificare i droni in volo

DJI, leader mondiale nei droni civili e nella tecnologia dell’immagine aerea, ha presentato il 12 ottobre 2017 AeroScope, la sua nuova soluzione per identificare e monitorare i droni in volo con la tecnologia esistente in grado di affrontare problemi di sicurezza e privacy. AeroScope utilizza il collegamento di comunicazione esistente tra un drone e il suo radiocomando per trasmettere informazioni di identificazione, ad esempio una registrazione o un numero di serie, nonché la telemetria di base, inclusa la posizione, l’altitudine, la velocità e la direzione. Polizia, agenzie di sicurezza, autorità aeronautiche e altre parti autorizzate possono utilizzare un ricevitore AeroScope per monitorare, analizzare e agire su tali informazioni. AeroScope è stato installato in due aeroporti internazionali a partire da aprile e si continua a verificare e valutare la sua performance in altri ambienti operativi.

“Come i droni sono diventati uno strumento quotidiano per uso professionale e personale, le autorità vogliono essere sicure di poter identificare chi sta volando vicino a luoghi sensibili o in modi che suscitano seri preoccupazioni”, ha affermato Brendan Schulman, vicepresidente della Politica e degli Affari Legali di DJI. “Il DJI AeroScope affronta la necessità di una responsabilità con tecnologia semplice, affidabile e conveniente”, ed è disponibile per la distribuzione. DJI ha dimostrato oggi il sistema a Bruxelles, in Belgio, mostrando come un ricevitore AeroScope possa sentire immediatamente un drone mentre si accende, quindi tracciare la sua posizione su una mappa visualizzando un numero di registrazione. Quel numero funziona come equivalente di una targa di guida, e le autorità possono utilizzarlo per determinare il proprietario registrato di un drone che solleva preoccupazioni. Nel marzo 2017, in risposta alle crescenti richieste da parte dei governi di tutto il mondo per le soluzioni di identificazione remota, DJI ha pubblicato un white paper che descrive i vantaggi di un simile approccio all’identificazione elettronica per i droni.

AeroScope lavora con tutti i modelli attuali di droni DJI, che gli analisti stimano comprendono oltre i due terzi del mercato mondiale dei droni. Dal momento che AeroScope trasmette su un collegamento di comunicazione esistente nei droni DJI, non richiede nuove apparecchiature o modifiche di bordo o ulteriori costi oltre quelli già sostenuti dagli operatori di droni. Altri produttori di droni possono facilmente configurare i loro droni esistenti e futuri per trasmettere informazioni di identificazione allo stesso modo. Poiché AeroScope si basa su droni che trasmettono direttamente le loro informazioni ai ricevitori locali, non per la trasmissione di dati a un servizio basato su Internet, garantisce che i voli non verranno automaticamente registrati nei database governativi proteggendo gli interessi della privacy delle persone e delle imprese che usano i droni. Questo approccio evita anche costi e complessità sostanziali che potrebbero essere coinvolti nella creazione di tali banche dati e collegare i droni ai sistemi di rete.

Questo sistema è coerente con l’approccio di problem solving di DJI alla regolazione dei droni, che mira a trovare un equilibrio ragionevole tra la necessità delle autorità di identificare i droni che suscitano preoccupazioni e il diritto dei piloti di volare senza una sorveglianza invasiva. DJI ha guidato l’industria con progressi di sicurezza come la geofencing e la tecnologia sensoriale per evitare gli ostacoli, e ritiene che il rapido ritmo dell’innovazione costituisca i mezzi migliori per affrontare nuove preoccupazioni politiche. Le impostazioni di identificazione del drone verranno incluse nel software iniziale del drone di DJI per consentire ai clienti di scegliere il contenuto della loro trasmissione di identificazione del proprio drone per soddisfare le aspettative locali sia prima che dopo che le regole di identificazione siano implementate in diverse giurisdizioni. Per proteggere la privacy dei clienti, il sistema AeroScope non trasmetterà automaticamente alcuna informazione di identificazione personale, finché le norme o le politiche previste dalla giurisdizione del pilota non lo richiedano.

“La rapida adozione di droni ha creato nuove preoccupazioni per la sicurezza e la privacy, ma devono essere equilibrati contro gli incredibili vantaggi che i droni hanno già portato alla società”, ha dichiarato Schulman. “L’identificazione elettronica dei droni, attuata con criterio, può aiutare a risolvere le sfide politiche, adire le regole restrittive e fornire la responsabilità senza essere costosi o intrusivi per i piloti di drone. DJI è orgogliosa di sviluppare soluzioni che possano contribuire a distribuire ampiamente i vantaggi del drone, aiutando le autorità a mantenere sicuri i cieli “.

Articoli che ti potrebbero interessare

Related posts

Leaver your comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.