DJI propone il Sistema di Gestione del Traffico Droni
Droni

DJI propone il Sistema di Gestione del Traffico Droni

DJI propone il Sistema di Gestione del Traffico Droni

Immagine della NASA raffigurante un mix di aerei con pilota e senza equipaggio che condividono lo spazio aereo DJI: Costruito su ciò che esiste

DJI ha presentato proposte che ritiene possano consentire la gestione sicura e il monitoraggio del traffico dei droni, utilizzando la tecnologia disponibile oggi. L’idea di Gestione del Traffico Droni, o UTM in inglese da Unmanned Traffic Management, è sempre più una priorità nel mondo normativo. Si stanno esaminando numerosi approcci per integrare in modo sicuro i veicoli aerei senza pilota (UAV) nello spazio aereo che viene utilizzato anche da velivoli con pilota a bordo.

DJI suggerisce un metodo più semplice che potrebbe non solo funzionare ma aiutare a velocizzare l’intero processo UTM. L’azienda ha presentato le proprie opinioni in due documenti consegnati ad una conferenza internazionale dell’aviazione civile (ICAO) che si svolge a Montreal. Il tema della conferenza è “Drone Enable”.

La conferenza dell’ICAO a Montreal sta concentrando l’attenzione per permettere ai droni e ai velivoli con pilota a bordo di condividere in modo sicuro i cieli. “La rapida adozione di droni per impieghi aziendali, accademici, governativi e non a scopo di lucro ha generato enormi vantaggi per la società, ma ha anche sollevato preoccupazioni su come le autorità possano identificare i droni e assicurare che operino in sicurezza nello spazio aereo complesso”, ha dichiarato il direttore degli standard tecnici DJI , Walter Stockwell, in un comunicato stampa aziendale. “Piuttosto che sviluppare nuovi sistemi complessi che utilizzano tecnologie non testate, DJI ritiene che l’industria e il governo possano affrontare queste sfide con le apparecchiature disponibili oggi e senza richiedere che ogni drone che vola sia registrato in modo permanente in un database governativo”. Nessun sistema centralizzato richiesto

In un documento, DJI propone che i sistemi UTM non richiedano un enorme centro di controllo centralizzato per assicurare che i droni possano evitare ostacoli fissi (e vicendevolmente). Invece, suggerisce che gran parte della tecnologia richiesta esiste già. Ad esempio, molti droni commerciali già dispongono di tecnologie integrate anti-collisione, in inglese On-board Anti-collision Technologies (OAT). Molti prodotti DJI, infatti, sono dotati di sistemi di rilevamento degli ostacoli che migliorano con ogni generazione. Combina questo con le comunicazioni tra radiocomandi e ricevitori, dice la società, e le basi di un sistema sono già in atto. “Immaginiamo un futuro in cui i droni saranno abbastanza intelligenti per navigare in modo sicuro attraverso lo spazio aereo, evitando gli ostacoli, gli altri droni e il traffico aereo, tutti da soli, in molti luoghi”, afferma il documento della DJI.

Infatti, alcune recenti ricerche su questo fronte sono state condotte usando i prodotti DJI, che sono riusciti ad evitarsi reciprocamente con successo in scenari di prova. “Poiché le OAT sono meno complesse rispetto a un sistema di gestione del traffico automatizzato end-to-end, perché presentano meno punti di errore e perché possono essere implementati senza investimenti necessari in infrastrutture basate a terra, ci aspettiamo che queste tecnologie riceveranno l’approvazione regolamentare ben prima che un sistema UTM in rete”.

Identificatore unico ma sicuro. La visione di DJI è di un tipo di “targa elettronica” per i droni. Questo identificatore univoco sarebbe collegato al proprietario registrato e invierebbe anche informazioni come la velocità, la direzione e la posizione. Queste informazioni sarebbero accessibili solo dalle autorità quando necessario e utilizzando speciali mezzi radio. L’identificatore non comprometterebbe la privacy del proprietario durante il volo generale. A Montreal, DJI ha presentato una versione aggiornata di quella visione. L’appello qui è che non ci sarebbe alcuna base di dati centralizzata, ma piuttosto la capacità delle autorità di identificare UAV che si avvicinano a aree sensibili o si comportano male. È un equilibrio delicato ma importante. “Nessuna altra tecnologia è soggetta alla registrazione del suo utilizzo, e ci impegniamo fortemente a non fare dei droni la prima di queste tecnologie. Il caso per un tale modello orwelliano non è stato fatto”, ha detto Stockwell. “L’obiettivo del metodo primario per l’identificazione remota dovrebbe essere quello di permettere a chiunque sia preoccupato da un drone che vola in prossimità, di segnalare un numero di identificazione alle autorità che avrebbero quindi gli strumenti per indagare la denuncia senza violare la privacy degli operatori. ”

DJI ha rivelato che in realtà ha un sistema di lavoro basato sul concetto di cui sopra, permettendo ai segnali radio trasmessi dai droni DJI di essere interpretabili dalle autorità, inclusa la possibilità di visualizzare i numeri di registrazione e le informazioni sul volo. È un sistema che DJI dice potrebbe facilmente funzionare con prodotti di altri produttori o inventori. Infatti, la società afferma di aver testato e valutato la tecnologia in due aeroporti internazionali per quasi un anno. “Le proposte di DJI condividono una convinzione comune che l’industria del drone, i regolatori dell’aviazione, i piloti dei droni e la società in generale possano trarre vantaggio dai droni se i sistemi di gestione del traffico e di identificazione sono costruiti con una tecnologia collaudata che può essere implementata facilmente”, ha dichiarato Stockwell che ha fornito i documenti alla conferenza ICAO. “Questo approccio protegge i diritti di privacy degli operatori drone, limita il rischio di guasto del sistema centrale e rende più facile sbloccare completamente il potenziale dei droni”.

Articolo originale

Articoli che ti potrebbero interessare

Related posts

Leaver your comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.