L’India taglia fondi alla Fondazione Gates
Medicina

L’India taglia fondi alla Fondazione Gates

Il dottor Jacob M Puliyel di Nuova Delhi

membro del comitato istituito dal NTAGI per esaminare la morte dei bambini ai quali era stato somministrato il vaccino pentavalente ha scritto in un articolo per il Sunday Guardian. Sappiamo per certo che fino ad agosto 2016 ci sono stati 237 decessi segnalati al governo indiano entro 72 ore dalla vaccinazione con il vaccino pentavalente. Sull’introduzione del mortale vaccino pentavalente sono state avviate delle cause di interesse pubblico (PIL, Public Interest Litigation) che mettono in discussione la rilevanza e l’efficacia del vaccino in India. Due membri del NTAGI, un consulente politico e un funzionario hanno depositato un PIL alla corte suprema contro l’introduzione del vaccino pentavalente nell’UIP. Il PIL sostiene chiaramente che:

  • Il piano per introdurre il vaccino pentavalente è stato abbozzato ignorando lo studio di Minz che suggerisce che il numero di casi di meningite da emofilo, Hib, è talmente basso in India da non giustificare la decisione governativa di introdurre un vaccino per eradicarla.
  • I dati provenienti da paesi in cui il vaccino pentavalente è stato in uso per anni, dimostrano che non vi è alcun beneficio reale dall’utilizzo di questo vaccino nella prevenzione delle malattie.
  • L’efficacia del vaccino pentavalente è dubbia dato che presenta effetti collaterali importanti e ha causato morti in molti paesi in via di sviluppo. Il vaccino è stato introdotto in India nel programma UIP sotto la spinta dell’OMS e l’influenza del GAVI, ignorando fatti e cifre circa la sua utilità e sicurezza.
  • – Il governo avrebbe dovuto, prima di ogni cosa, testare gli effetti del vaccino Hib sui bambini, prima di utilizzarlo in formulazioni combinate con i vaccini DPT ed Hep B.

Articolo Completo

Articoli che ti potrebbero interessare

Related posts

Leaver your comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.