Francia

La Francia dice che siamo “vomitevoli”
Varie

La Francia dice che siamo “vomitevoli”

Da che pulpito viene la predica …

Madrid dice al nostro Paese che rischiamo responsabilità penali. Madrid che spara contro gli immigrati e/o profughi che cercano di scavalcare un muro di filo spinato alto più di 10 metri?

La Francia di Macron definisce “vomitevole” la posizione assunta dall’Italia sui migranti. La stessa Francia che il 31 marzo 2018 ha avuto il coraggio di perquisire CON POLIZIOTTI FRANCESI, in maniera non autorizzata e in territorio italiano, degli immigrati?
Come viene in mente al partito francese En marche e a Macron di definire l’Italia vomitevole dopo quello che la Francia ha fatto negli ultimi due anni? Sappiamo benissimo quello che è successo a Bardonecchia e a Ventimiglia. Immagino sia la stessa Francia che lo scorso 23 marzo ha lasciato morire all’ospedale di Torino una migrante nigeriana di 31 anni malata di linfoma e incinta di pochi mesi dopo averla respinta alla frontiera di Bardonecchia.
La stessa Francia che è stata denunciata da diverse associazioni per aver illegittimamente respinto minori non accompagnati alla frontiera di Ventimiglia!

La Spagna, ha perso un occasione per tacere. La Francia non ha accolto nemmeno le quote di migranti che deve accollarsi (al momento meno del 20% di quanto gli è dovuto). Quindi, Francia prenditi il 100% delle quote di ripartizione di tua spettanza, apri i tuoi porti ai migranti, non far morire le donne incinte respingendole al confine, non respingere i profughi minori non accompagnati,

LIBERTÉ, EGALITÉ…FRATERNITÉ
Varie

LIBERTÉ, EGALITÉ…FRATERNITÉ

LIBERTÉ, EGALITÉ … FRATERNITÉ

Sono 14 i paesi africani costretti dalla Francia, attraverso un patto coloniale a depositare l’85% delle loro riserve di valute estere nella Banca centrale francese controllata dal ministero delle finanze di Parigi. Il Togo e altri 13 paesi africani dovranno pagare un debito coloniale alla Francia. I leader africani che rifiutano vengono uccisi o restano vittime di colpi di stato.

La Francia detiene le riserve nazionali di quattordici paesi africani dal 1961: Benin, Burkina Faso, Guinea-Bissau, Costa d’Avorio, Mali, Niger, Senegal, Togo, Camerun, Repubblica Centrafricana, Ciad, Congo-Brazzaville, Guinea Equatoriale e Gabon. Coloro che obbediscono sono sostenuti e ricompensati dalla Francia con stili di vita faraonici mentre le loro popolazioni vivono in estrema povertà e disperazione.

Nel marzo 2008 Jacques Chirac affermava: “Senza l’Africa, la Francia scivolerebbe a livello di una potenza del terzo mondo”. Il predecessore di Chirac, François Mitterand, nel 1957 profetizzava che: “Senza l’Africa, la Francia non avrà storia nel 21mo secolo” (Arianna editrice)