ivermectina

Coronavirus 10 – antiparassitario ivermectina
Medicina Scienza

Coronavirus 10 – antiparassitario ivermectina

Coronavirus 10 – antiparassitario ivermectina

Un team di ricerca australiano ha dimostrato che il farmaco antiparassitario/antielmintico ivermectina è in grado di uccidere il coronavirus SARS-CoV-2 in sole 48 ore. L’efficacia è emersa in test di laboratorio in vitro, cioè su colture cellulari, dunque dovrà essere confermata anche sull’uomo. Il farmaco è già approvato dalle principali agenzie di controllo, è diffuso a livello globale, sicuro e costa poco.

Alla lista dei farmaci potenzialmente efficaci contro il coronavirus SARS-CoV-2 se ne aggiunge un altro molto promettente: l’antiparassitario o antielmintico con proprietà antivirali ivermectina. In test di laboratorio in vitro, infatti, il medicinale ha dimostrato che in sole 48 ore è in grado di ridurre di ben 5mila volte il virus responsabile della COVID-19 all’interno di una coltura cellulare. In pratica lo annienta del tutto, e ottiene una significativa riduzione già in sole 24 ore. Sottolineiamo che si è trattato di uno studio preclinico e in provetta, dunque per dimostrarne l’effettiva efficacia nel contrasto all’infezione causata dal patogeno emerso in Cina (tra il 20 e il 25 novembre, secondo uno studio italiano) saranno necessari approfonditi studi sull’uomo.

A rilevare le spiccate capacità contro il coronavirus SARS-CoV-2 della ivermectina (o ivermectin) è stato un team di ricerca australiano guidato da scienziati dell’Università Monash di Clayton, che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi dell’autorevole Victorian Infectious Diseases Reference Laboratory presso il Royal Melbourne Hospital, che fa parte del Peter Doherty Institute for Infection and Immunity.