padre pio

Le visioni di padre Pio
Religione Scandali

Le visioni di padre Pio

Le visioni di padre Pio

Le sue “visioni” erano copiate da quelle di un’altra mistica: appena ordinato sacerdote, Padre Pio passava gran parte del tempo a casa, anziché in convento, adducendo non meglio precisati problemi di salute. Per dimostrare il suo travaglio spirituale, le estasi e il contatto personale che aveva con Cristo scriveva ai superiori lettere piene di trasporto. Solo che erano copiate parola per parola dall’epistolario di Gemma Galgani, una donna di Lucca che aveva ricevuto le stimmate nel 1899, e il cui libro era tra le letture del giovane frate

(vedi: S. Luzzatto, Padre Pio. Miracoli e politica nell’Italia del Novecento, Einaudi 2007, pp. 28-32).

Spoglie padre Pio trasferite
Religione Scandali

Spoglie padre Pio trasferite

Trasferite a Roma a spese della Regione Puglia

La traslazione da San Giovanni Rotondo a Roma, in occasione del Giubileo, non sarà a spese del Vaticano. Voto unanime. Il consigliere Cera: “Un santo abbiamo. Lo dobbiamo pure trattare male?”.

Chi pagherà la traslazione delle spoglie di San Pio da San Giovanni Rotondo a Roma, in occasione del Giubileo? Non il Vaticano, ovviamente. La risposta esatta è: la Regione, anzi, i pugliesi. Miracoli a spese del contribuente. È l’opera pia dei consiglieri regionali riuniti in Prima commissione durante l’approvazione del bilancio. Un bilancio, c’è da dire, fatto di razionalizzazioni pesanti un po’ dovunque, dalla sanità ai trasporti. Ebbene, in questa situazione sono spuntati 100mila euro necessari per trasportare quelle spoglie nella Capitale, precisamente nella basilica di San Pietro, dove saranno esposte da 3 all’11 febbraio. La somma verrà erogata in favore della fondazione Voce di Padre Pio.

Leggi Articolo