Wuhan

Coronavirus 37 – Oms accusa la Cina: Ha fatto poco per cercare le origini del virus
Medicina Scienza

Coronavirus 37 – Oms accusa la Cina: Ha fatto poco per cercare le origini del virus

Coronavirus 37 – Oms accusa la Cina: Ha fatto poco per cercare le origini del virus

I funzionari cinesi avrebbero fatto “poco” in termini di indagini epidemiologiche sulle origini della pandemia di Covid-19 a Wuhan nei primi otto mesi dopo lo scoppio. E’ quanto emerge da un documento interno dell’Organizzazione Mondiale della Sanità diffuso dal Guardian. Il riepilogo del rapporto interno dell’Oms, datato 10 agosto 2020, afferma anche che il team che ha incontrato le controparti cinesi come parte di una missione per aiutare a trovare le origini del virus ha ricevuto poche  informazioni in quel momento e non ha ricevuto alcun documento  scritto.

Il rapporto della scorsa estate, scritto dunque quando i tassi di infezione globale avevano raggiunto i 20 milioni, fornisce nuove informazioni su come gli scienziati dell’Oms sarebbero stati ostacolati nei loro primi sforzi per studiare l’epidemia in Cina. La rivelazione arriva dopo che l’amministrazione Biden ha recentemente rilasciato una dichiarazione esplicita sulle forti preoccupazioni inerenti la cooperazione cinese nello studio della malattia. Jake Sullivan, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha anche invitato la Cina a rendere pubblici i suoi dati sin dai primi giorni dell’epidemia e a tutti i paesi, compresa la Cina, a partecipare a un processo “trasparente e robusto” per prevenire e rispondere alle emergenze sanitarie.

Il dossier di due pagine è un riassunto del viaggio in Cina sostenuto dal responsabile del programma e leader della missione dell’Oms Peter Ben Embarek tra il 10 luglio e il 3 agosto 2020,

Coronavirus 36 – Virus a Wuhan già a settembre 2019
Medicina Scienza

Coronavirus 36 – Virus a Wuhan già a settembre 2019

Coronavirus 36 – Virus a Wuhan già a settembre 2019

«Il coronavirus era a Wuhan già a settembre 2019, 40 pazienti avevano i sintomi Covid e 8 persone sono morte». La (nuova) rivelazione arriva da alcuni file ospedalieri trapelati da “Epoch Times”, un quotidiano cinese con sede in America, legato alla setta religiosa perseguitata del Falun Gong in Cina. Le cartelle cliniche della città rivelano appunto che pazienti con una nuova e misteriosa forma di polmonite sono stati curati in otto ospedali tra la fine di settembre e l’inizio di dicembre 2019. I registri mostrano che 40 pazienti sono stati trattati con questa malattia (sconosciuta), che presentava sintomi praticamente simili a quelli del Covid-19. Di questi pazienti – stando al report – almeno otto sono morti in ospedale. Una storia che potrebbe sconfessare la prima verità fatta trapelare dal governo cinese. Se, come ritengono alcuni esperti, questi fossero i primi casi di coronavirus, tutto ciò sarebbe in contraddizione con il resoconto ufficiale del governo cinese su quando è effettivamente iniziata la malattia. Pechino ha sempre detto infatti che un «gruppo di casi di polmonite di causa sconosciuta» è apparso per la prima volta il 31 dicembre 2019 a Wuhan. Il 9 gennaio 2020 il governo cinese ha ufficializzato il focolaio di coronavirus all’Organizzazione mondiale della sanità.

APPROFONDIMENTI

Ma i registri ospedalieri mostrano che l’epidemia potrebbe essere iniziata già il 25 settembre 2019.

Coronavirus 20 – I giochi mondiali militari di Wuhan 2019
Medicina Scienza

Coronavirus 20 – I giochi mondiali militari di Wuhan 2019

Coronavirus 20 – I giochi mondiali militari di Wuhan 2019

Vuoi vedere che il coronavirus era nell’aria di Wuhan già in ottobre, un mese in anticipo rispetto al primo caso ufficiale riscontrato sul suolo cinese e datato 17 novembre? Verso questa possibile conclusione potrebbero condurre alcune testimonianze di atleti recatasi nella località cinese, per prendere parte ai Giochi Mondiali militari, i quali sia Cina sia al ritorno in patria hanno manifestato i sintomi di quella malattia, che alcuni mesi dopo, avrebbe scombussolato il mondo intero.

Alla rassegna degli sportivi in divisa, celebratasi nel capoluogo della provincia di Hubei dal 18 al 27 ottobre, hanno preso parte 10mila atleti provenienti da un centinaio di paesi. Tra di loro c’erano anche due pentatleti francesi, Valentin Belaud e Elodie Clouvel, che al quotidiano l’Equipe, hanno raccontato di essersi ammalati ed essere stati costretti a saltare gli allenamenti in Cina, accusando problemi mai avuti in precedenza. In più la coppia, nel momento in cui ha comunicato il problema allo staff medico, ha appreso che anche altri membri della delegazione transalpina si erano ammalati.

Pure sul fronte italiano, i racconti degli azzurri presenti in Cina condurrebbero alla stessa conclusione. Tra gli altri lo spadista Matteo Tagliariol, olimpionico a Pechino 2008, che a Wuhan ha gareggiato nella prova a squadre insieme a Paolo Pizzo e Lorenzo Buzzi, ha ricordato di essere stato malato per diversi giorni, soffrendo soprattutto di una fastidiosissima tosse, e che nel centro medico del villaggio le aspirine erano esaurite,

Coronavirus 18 – Il laboratorio francese di Wuhan
Medicina Scienza

Coronavirus 18 – Il laboratorio francese di Wuhan

Coronavirus 18 – Il laboratorio francese di Wuhan

«Sono felice di trovarmi a Wuhan, che alcuni chiamano ”la piccola Francia” di Cina, cuore della cooperazione franco-cinese», diceva il primo ministro Bernard Cazeneuve nel 2017, alla fine della presidenza Hollande. L’accordo celebrato in quell’occasione prevedeva l’arrivo a Wuhan di 50 scienziati francesi nell’arco di cinque anni, ma tre anni dopo nessuno è mai entrato nel laboratorio P4 – consegnato praticamente chiavi in mano dai francesi – nella ”piccola Francia” di Cina. Negli ultimi giorni l’attenzione è tornata a concentrarsi sul laboratorio di Wuhan dopo che iIl segretario di Stato americano Mike Pompeo invoca un’inchiesta, il presidente Emmanuel Macron dice che in Cina «sicuramente sono accadute cose che non sappiamo» e anche la cancelliera Merkel richiama la Cina a una maggiore trasparenza. Per adesso, molte teorie di complotto e nessuna prova sul fatto che il Covid-19 possa essere sfuggito al laboratorio di Wuhan.

Le preoccupazioni sulla sicurezza accompagnano il laboratorio di Wuhan dalla nascita, frutto della cooperazione tra Cina e Francia. Nel 2003 la Sars colpisce la Cina e le autorità di Pechino vogliono migliorare la loro capacità di contrasto delle epidemie. Nel 2004 il presidente Hu Jintao trova aiuto nel capo di Stato francese Jacques Chirac e nel suo premier Jean-Jacques Raffarin, grandi fautori di un’apertura europea verso la Cina. I due Paesi decidono di combattere insieme le malattie emergenti, per esempio l’influenza aviaria, e il perno di questa nuova collaborazione è la costruzione in Cina,